Lode alla piccola danza macabra

«Il culto dei morti nell’Italia contemporanea» di Giulio Mozzi

Ho letto questo libro. E mi è piaciuto parecchio: l’ho trovato talmente limpido, penetrante, rispettoso della morte e della vita, e poetico e provocatorio d’apparirmi come un concentrato di dolore e rinascita e di trasformazione e ribaltamenti, con qualche bella stoccata ironica. 
Ho trovato frastornante la terza parte, soprattutto alcuni testi, o meglio quasi tutti: in primis il pezzo intitolato «Uccisioni rituali di animali, e altri riti». 

Continua a leggere “Lode alla piccola danza macabra”

Un gioco di narratori, di storie Matrioska

«Invisibile» di Paul Auster

Su “Invisibile” di Paul Auster mi trovo un po’ in difficoltà a mettere in chiaro le idee. Ci provo con alcune domande.
Nel complesso mi è piaciuto? Sì.
La storia? In verità non mi è parsa questa grande storia, ma l’autore è sempre riuscito a tenermi interessata e a incuriosirmi abbastanza da farmi continuare a leggere. Ultimamente noto sempre di più questa cosa, cioè che le “storie” non mi affascinano davvero, ad affascinarmi sono altre cose, dei particolari, dei meccanismi. Questo per dire che non saprei definire se la storia sia bella o brutta, ma non per colpa della storia; sento che sono io a non “subire” (almeno in questo periodo) il fascino di nessuna storia. Questa in ogni caso ti porta a continuare a leggere. 

Continua a leggere “Un gioco di narratori, di storie Matrioska”

Spunti, riflessioni, monologhi e considerazioni di spessore

«Parole private dette in pubblico» di Giulio Mozzi

Mi rallegro di quante cose siano ancora in grado di sorprendermi. Sono mesi e mesi – e ne ho pure già parlato altre volte – che sento (e leggo) frasi sia di autori affermati sia di aspiranti scrittori volte a sostenere che si scriva solo per gli altri. Non che io scriva romanzi per me: non sono folle. Ma ho sempre pensato che dipendesse da quello che si scrive, per dire: un diario dovrebbe essere l’opposto di una scrittura “pubblica”. Ora, ammetto che sono una cocciuta: “imparo” o “accetto come insegnamento” solo quello che capisco.

Continua a leggere “Spunti, riflessioni, monologhi e considerazioni di spessore”

Fiabe dalle morali inenarrabili

«Fiabe così belle che non immaginerete mai» di Ivano Porpora

Dunque, ho letto “Fiabe così belle che non immaginerete mai” di Ivano Porpora, uscito per le edizioni LiberAria.

In pratica una raccolta di racconti (incredibilmente dal tratto – secondo me – molto maschile; se poi a qualcuno interessa potrei cercare di spiegare il senso di questa affermazione, forse senza riuscirci) con sfumature sagge ma anche parecchie spruzzate giocosamente demenziali.

Continua a leggere “Fiabe dalle morali inenarrabili”

Un libro utile

«La mia dislessia – Ricordi di un premio Pulizer che non sapeva né leggere né scrivere» di Philip Schultz

È un libro utile per comprendere un po’ i meccanismi mentali di chi ha disturbi d’apprendimento, come la dislessia. Ho finito di leggere il libro “La mia dislessia – Ricordi di un premio Pulizer che non sapeva né leggere né scrivere” di Philip Schultz.
Non so quanti lo potrebbero apprezzare alla pari di quanto lo abbia apprezzato io; un dislessico non può fare a meno di riconoscercisi. Anche se per quel che mi riguarda alla fine mi è venuto da pensare: “Ma quanta rabbia ha ancora in corpo quest’uomo?”

Continua a leggere “Un libro utile”

Basta dire: Bianco

«Bianco» di Laura Pugno

Be’, l’ho letto e – lo ammetto – ho pianto un paio di volte. Non mi interessa se questo era negli intenti dell’autrice. E di certo le immaginazioni che queste pagine hanno creato in me non coincideranno nemmeno lontanamente con quelle descritte o immaginate dalla Pugno. Ma anche questo – con rispetto parlando – mi interessa poco. Mi interessa solo riportare la mia “esperienza di lettura”.

Continua a leggere “Basta dire: Bianco”

Conoscenza, esperienza e filosofia letteraria

«Ars poetica» di Franco Ferrucci

Ho letto un libriccino: un concentrato di conoscenza, esperienza, e filosofia letteraria (si dice?), di quella sana, di quella che piace a me, il tutto applicato all’arte di scrivere. “Ars poetica” è il titolo di questo “trattato” scritto con trasporto, con sincera passione (la si percepisce in ogni frase) da Franco Ferrucci. 
Avrei già voglia di rileggerlo. E mi capita raramente. Era parecchio tempo che non sottolineavo tanto le pagine di un libro.

Continua a leggere “Conoscenza, esperienza e filosofia letteraria”

Un… vaso di Pandora

«Chiedi alla luce» di Tullio Avoledo

Temo che questa nota contenga dello spoiler. Chiedo scusa, ma non posso farne a meno e in ogni caso credo che apprendere anticipatamente quanto sto per scrivere non solo non toglierà gusto alla lettura, ma anzi potrebbe forse fornire una chiave interpretativa diversa per godersela al meglio (forse, dato che conoscenti mi dicono di aver avuto difficoltà nel proseguire la lettura a causa dell’originale struttura del romanzo).

Continua a leggere “Un… vaso di Pandora”

Un romanzo bastardo

«L’antagonista» di Edoardo Zambelli

“Hai mai visto quella foto?”
“Sì”.
“Com’era?”
“Potente… Orribile…”

Questo è anche quello che ho pensato io man mano che avanzavo nella lettura…

Quindi? “Bello” o “brutto”? Indubbiamente un gran bel libro che però non rileggerò. Esattamente come mi capita con certi dipinti di cui posso riconoscere e persino subire la bellezza emozionale, ma che non appenderei mai sulla parete del mio salotto. Sto parlando del romanzo “L’antagonista” di Edoardo Zambelli (Laurana editore, 2016) da cui ho estratto il breve dialogo inserito in apertura di questo post. 

Continua a leggere “Un romanzo bastardo”

A volte bisognerebbe cambiare il proprio punto di vista

«L’ultimo giorno di un condannato a morte» di Victor Hugo

«”Noleggiavano tavoli, sedie, impalcature, carrette. Tutto rigurgitava di spettatori. Dei venditori di sangue umano gridavano a squarciagola. 
“Chi vuole dei posti?”
La rabbia contro la folla m’è salita dentro. Avrei voluto gridare:
“Chi vuole il mio?”»

Quanto si può dire in poco meno di un centinaio di pagine sulla morte? E sullo spettacolo della morte? E sull’attesa della morte? E sull’attesa e basta? Il tempo di vivere e quanto esso ci sia caro, attraverso gli occhi di Hugo, acquista ancora più vigore. Allo stesso modo, seppure si tratti di uno scritto di quasi duecento anni or sono, la lettura de “L’ultimo giorno di un condannato a morte” mantiene tutt’oggi il suo valore sociale, laddove denuncia la paura che incute lo spettro della morte e la superficialità del mondo spettatore, sproposito umano più che mai d’attualità: basterebbe sostituire le decapitazioni con le scene di quotidiana guerra trasmesse in tv, e al posto della gente che scende in Piazza a Parigi per festeggiare lo spettacolo della ghigliottina, inserirvi l’indifferenza di chi – non coinvolto direttamente – osserva passivamente gli schermi piatti, grondanti di sangue e scheggiati da esplosivi.

Vedi anche la nota su: I MISERABILI