Andrà come andrà

«Dall’archivio» di Giulio Mozzi

È un libro del 2013. Contiene poesie. Su morte e resurrezione. L’editore è Nino Aragno e il titolo: “Dall’archivio”. Autore: Giulio Mozzi, non il narratore, ma il poeta (lui dice di non esserlo, ma tant’è, i miei occhi ignoranti lo riconoscono, anche, come tale).

La sensazione che mi resta è quella di un libro monotematico: l’ultimo minuto di tutti e una sola preghiera (=speranza). È un libro di caduti, di spezzati, di finiti, che cercano di risalire la scala, ma mica tutti ci riescono, e in ogni caso non c’è certezza. E poi per andare dove esattamente?
Quello che ho pensato è che se non fosse scritto come è stato scritto, se fosse stato meno allusivo e più violento o sanguinoso, sebbene di corpo ce ne sia molto, forse non avrei retto la lettura. E invece no. È “bello” sentire le parole come girano, mi lasciano qualcosa di buono. Come un accoglimento dell’inevitabile.
Un: andrà come andrà, stiamo a vedere, pieno di rassegnazione, ma che contiene un po’ di luce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...